sabato 29 gennaio 2011

My blog is carbon neutral!

Il sito tedesco Mach's Grün! ha trovato un modo molto particolare per cercare di fare qualcosa per proteggere l'ambiente.

Partendo dal presupposto che un blog molto visitato causa l'immissione di ossido di carbonio nell'atmosfera, il sito ha pensato bene di coinvolgere i blogger nella sua nobile causa.
Scrivendo questo questo post e aggiungendo il bottone a lato, anche "La tana dei lupi" partecipa all'iniziativa che consiste nella piantumazione gratuita di un albero nella Plumas National Forest in California per ogni blogger che aderisce.


Qui trovate come funziona il processo di assorbimento dell'ossido di carbonio dei blog da parte degli alberi piantati.

Make it green! YYY

venerdì 28 gennaio 2011

Sunshine award: un premio per i più meritevoli


La mia cara amica Antonella ha premiato il nostro blog con il Sunshine Award 2011 e le siamo infinitamente grati! Y
Partecipare a questo gioco è un'ottima occasione per rinnovare l'amicizia con vecchi amici blogger o per stringerne di nuove con persone interessanti!

Regolamento del gioco:
- ringraziare chi ci ha degnato di tale premio
- scrivere un post riguardante il premio stesso
- passarlo a 12 blogger che riteniamo meritevoli, mettendo i link dei suddetti blog
- avvisare i vincitori

Maria
Lucia
Giane
Chiaramarina
Sandro e Cristina
Gianni
Ashanti

Miglioriamo la circolazione e rafforziamo i capillari

Sono molte le persone che si trovano ad avere spesso gonfiore alle gambe, a sentirle pesanti, stanche e doloranti. Questo problema si manifesta soprattutto a causa di una postura scorretta mantenuta nel tempo, di una cattiva alimentazione o è indice di sedentarietà. Colpisce anche chi semplicemente ha una certa predisposizione ad una cattiva circolazione. La situazione poi peggiora ulteriormente d'estate, quando il caldo fa la sua parte.
Se poi ad una cattiva circolazione si associa un'insufficienza venosa, il risultato è la comparsa di molti piccoli capillari rotti che presto o tardi possono sfociare in vene varicose.


Ecco alcuni consigli per rimediare a questi fastidiosi problemi. Sono consigli adatti anche ai più pigri :) che non hanno voglia di fare nemmeno una corsetta giornaliera, metodo che riattiverebbe immediatamente la circolazione sanguigna delle gambe e in generale farebbe bene alla nostra salute.


Innanzitutto affidiamoci al potere delle erbe: bevete circa un litro al giorno di infuso di rusco, vite rossa, centella, amamelide, finocchio.
Questo infuso, a differenza di altri che tendono sempre a sapere di "fieno
", è molto gradevole soprattutto grazie al sapore che lascia il finocchio (che in realtà per lo scopo dell'infuso non è particolarmente adatto, ma lo rende decisamente più bevibile). Volendo si può dolcificare con un po' di miele.

Le erbe contenute hanno importanti proprietà utili per combattere la fragilità capillare e per riattivare la circolazione venosa. Potete usare anche altre erbe, tra cui Mirtillo e Ippocastano. In erboristeria potrete comprare il preparato più adatto alla vostra esigenza
Se non siete abituati a bere così tanto, potete sostituire l'infuso con integratori che si possono trovare in tutte le erboristerie.



Dedicate poi del tempo ad un idromassaggio tiepido, utilizzando un idromassaggiatore plantare. Un vero momento di relax e benessere. Bastano anche solo 30 minuti di idromassaggio per accorgersi dei suoi benefici. Una volta terminato sentirete subito che caviglie e piedi saranno meno gonfi ed appesantiti ed una piacevole sensazione di leggerezza si propagherà a tutta la gamba, fin sopra il ginocchio.



Una buona abitudine da far propria è quella di sottoporsi ad una piccola tortura durante il bagno o la doccia... Munitevi di tanto coraggio (soprattutto nei mesi più freddi) ed alternate repentinamente il getto di acqua calda al getto molto freddo della doccetta sulle gambe. Basta anche solo qualche minuto per ravvivare la circolazione sanguigna. Inoltre questa pratica "allena" le vene e ne rinforza le pareti, sgonfia le gambe e le tonifica.



Utilizzate dei prodotti specifici che sostengano la circolazione.Io uso una crema di Bottega Verde, che è tutt'altro che verde, ma i principi attivi
che contiene garantiscono l'effetto. In effetti devo ammettere che funziona e, anche usata da sola, è riuscita a risolvere parzialmente il problema soprattutto nei mesi estivi. Si chiama "Formula gambe - Crema sollievo gambe alla vite rossa e mirtillo". Costa €13,99 per 100 ml di prodotto, ma quasi sempre da Bottega Verde si può approfittare di grandi sconti! :)
Qui potete leggere la recensione di Lola, che la approva.

Per aumentare l'effetto della crema, massaggiate le gambe dal basso verso l'alto mentre spalmate la crema. Il massaggio dalle estremità verso il cuore è una "regola base" per riattivare la circolazione di qualsiasi parte del corpo.


Un ultimo accorgimento: sdraiatevi sul pavimento, alzate le gambe ed appoggiate completamente la pianta del piede alla parete. Rimanete in questa posizione per qualche minuto. Permettete così al sangue in eccesso nelle parti basse del corpo di tornare con più facilità verso il cuore e quindi stimolate la circolazione.


Link utili:
Rusco
Vite rossa
Centella
Amamelide
La circolazione delle gambe




Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

giovedì 27 gennaio 2011

Lo sapevi che...puoi risparmiare 39 euro con una pila?

Come risparmiare 39 Euro con una pila?

Le pile che di solito usiamo per far funzionare orologi, telecomandi di auto e di cancelli, termometri digitali o calcolatrici ci costano solitamente circa 5 Euro.

Potete però comprare 8 pile di questo tipo a meno di un euro l'una. Ma come?

Semplice basta acquistare una pila Energizer A23, aprirla leggermente con un cacciavite e dal suo interno usciranno ben 8 pile piatte del tipo indicato prima.

Come capire se il telecomando è guasto?

Se il telecomando della Tv smette di funzionare può darsi che le batterie siano scariche, ma anche che ci sia dello sporco tra i contatti oppure il ricevitore potrebbe essere difettoso.
Come capire qual è il guasto?
Basta puntarlo verso l'obbiettivo di una fotocamera ( anche quella del cellulare) e azionarlo: sarà possibile vedere i raggi infrarossi altrimenti invisibili ad occhio nudo.

Come vincere sempre ai dadi?

Volete vincere le scommesse ai dadi con i vostri amici?

Ecco come truccare i dadi. Prendete dei dadi di gioco di plastica e metteteli (con i numeri che volete fare uscire in alto), su una piastra metallica in forno a 120 c° per 10 minuti.

Toglieteli poi dal forno e fateli raffredare senza mai toccarli.

Il calore del forno avrà così ammorbidito la plastica e appesantito di più la base dei dadi. Risultato?
Usciranno sempre gli stessi numeri.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Acqua e arsenico

Finalmente dopo 7 anni di deroghe ecco ufficialmente risolto il problema dell'arsenico nell'acqua. E' infatti dal 2003 che in Italia esistono comuni che erogano acqua con un contenuto cancerogeno 5 volte superiore al limite previsto dall'Unione Europea. In tutti questi anni i cittadini di questi comuni sono rimasti all'oscuro di tutto o quasi e a nessuno è stato spiegato in modo chiaro in quali pericoli si poteva incorrere, non solo bevendo ma anche usando quest'acqua per cucinare gli alimenti. Così è dovuta intervenire la commissione Europea respingendo l'ennesima deroga chiesta dal governo italiano. Ma ciò sembra non bastare, infatti tutto questo viene tenuto nascosto e minimizzato e si continua a rimandare quegli interventi che invece sarebbero necessari. Interventi come la dearsenificazione grazie ad apparecchi appositi installati negli acquedotti dei comuni interessati. I cittadini dovrebbero essere tenuti informati sulle limitazioni all'uso di quest'acqua in modo da esercitare una costante pressione utile a risolvere quello che è a tutti gli effetti un grave problema sanitario del nostro Paese.

Di seguito la lista dei comuni con acqua che non dovrebbe nè essere bevuta nè usata per cucinare:

Regione: Lombardia
Marcaria Mantova 5000 50 μg/l di arsenico
Roncoferraro Mantova 5000 50 μg/l di arsenico
Viadana Mantova 6000 50 μg/l di arsenico

Valdidentro Sondrio 1300 50 μg/l di arsenico
Valfurva Sondrio 150 50 μg/l di arsenico

Maccagno Varese 1150 30 μg/l di arsenico
Sesto Calende Varese 6000 30 μg/l di arsenico
Dumenza Varese 1362 30 μg/l di arsenico

Regione: Trentino-Alto Adige/Südtirol
Trento – Laste/Cantanghel Trento 26500 40 μg/l di arsenico
Canal San Bovo Trento 120 40 μg/l di arsenico
Fierrozzo Trento 441 40 μg/l di arsenico
Frassilongo Trento 357 40 μg/l di arsenico

Laion – Mullerhof Bolzano 18 50 μg/l di arsenico
Lana – Poiana Bolzano 700 50 μg/l di arsenico
Luson Bolzano 358 50 μg/l di arsenico
Stelvio – Solda di Fuori Bolzano 25 50 μg/l di arsenico
Vadena – Monte Bolzano 74 50 μg/l di arsenico
Valle di Casies – S. Martino in Casies;
Durna in Selve
Bolzano 628 50 μg/l di arsenico

Regione: Lazio
Aprilia Latina 66624 50 μg/l di arsenico
Cisterna di Latina Latina 19000 50 μg/l di arsenico
Cori Latina 9000 50 μg/l di arsenico
Latina Latina 115490 50 μg/l di arsenico
Pontinia Latina 13835 50 μg/l di arsenico
Priverno Latina 14093 50 μg/l di arsenico
Sabaudia Latina 18548 50 μg/l di arsenico
Sermoneta Latina 3200 50 μg/l di arsenico
Sezze Latina 23852 50 μg/l di arsenico

Albano Laziale Roma 10000 50 μg/l di arsenico
Ardea Roma 100 50 μg/l di arsenico
Ariccia Roma 12000 50 μg/l di arsenico
Genzano di Roma Roma 15000 50 μg/l di arsenico
Lanuvio Roma 12185 50 μg/l di arsenico
Lariano Roma 1700 50 μg/l di arsenico
Velletri Roma 30000 50 μg/l di arsenico
Castel Gandolfo Roma 4600 50 μg/l di arsenico
Ciampino Roma 2000 50 μg/l di arsenico
Castelnuovo di Porto Roma 200 50 μg/l di arsenico
Trevignano Romano Roma 5700 50 μg/l di arsenico
Tolfa Roma 5200 50 μg/l di arsenico
Bracciano Roma 15500 50 μg/l di arsenico
Sacrofano Roma 68 50 μg/l di arsenico
Formello Roma 80 50 μg/l di arsenico
Civitavecchia Roma 30000 50 μg/l di arsenico
Santa Marinella Roma 13000 50 μg/l di arsenico
Anzio Roma 37500 50 μg/l di arsenico
Nettuno Roma 43000 50 μg/l di arsenico
Campagnano di Roma Roma 10301 50 μg/l di arsenico
Magliano Romano Roma 1490 50 μg/l di arsenico
Mazzano Romano Roma 2740 50 μg/l di arsenico

Acquapendente Viterbo 5741 50 μg/l di arsenico
Arlena di Castro Viterbo 905 50 μg/l di arsenico
Bagnoregio Viterbo 3676 50 μg/l di arsenico
Barbarano Romano Viterbo 1089 50 μg/l di arsenico
Bassano in Teverina Viterbo 1284 50 μg/l di arsenico
Bassano Romano Viterbo 4884 50 μg/l di arsenico
Blera Viterbo 3320 50 μg/l di arsenico
Bolsena Viterbo 4229 50 μg/l di arsenico
Bomarzo Viterbo 1823 50 μg/l di arsenico
Calcata Viterbo 894 50 μg/l di arsenico
Canepina Viterbo 3188 50 μg/l di arsenico
Canino Viterbo 5305 50 μg/l di arsenico
Capodimonte Viterbo 1832 50 μg/l di arsenico
Capranica Viterbo 6516 50 μg/l di arsenico
Caprarola Viterbo 5624 50 μg/l di arsenico
Carbognano Viterbo 2074 50 μg/l di arsenico
Castel Sant’Elia Viterbo 2594 50 μg/l di arsenico
Castiglione in Teverina Viterbo 2359 50 μg/l di arsenico
Celleno Viterbo 1357 50 μg/l di arsenico
Cellere Viterbo 1293 50 μg/l di arsenico
Civita Castellana Viterbo 16783 50 μg/l di arsenico
Civitella d’Agliano Viterbo 1716 50 μg/l di arsenico
Corchiano Viterbo 3796 50 μg/l di arsenico
Fabrica di Roma Viterbo 8205 50 μg/l di arsenico
Faleria Viterbo 2333 50 μg/l di arsenico
Farnese Viterbo 1684 50 μg/l di arsenico
Gallese Viterbo 3019 50 μg/l di arsenico
Gradoli Viterbo 1475 50 μg/l di arsenico
Graffignano Viterbo 2322 50 μg/l di arsenico
Grotte di Castro Viterbo 2853 50 μg/l di arsenico
Ischia di Castro Viterbo 2437 50 μg/l di arsenico
Latera Viterbo 983 50 μg/l di arsenico
Lubriano Viterbo 946 50 μg/l di arsenico
Marta Viterbo 3577 50 μg/l di arsenico
Montalto di Castro Viterbo 8787 50 μg/l di arsenico
Monte Romano Viterbo 2012 50 μg/l di arsenico
Montefiascone Viterbo 13570 50 μg/l di arsenico
Monterosi Viterbo 3731 50 μg/l di arsenico
Nepi Viterbo 9258 50 μg/l di arsenico
Onano Viterbo 1047 50 μg/l di arsenico
Oriolo Romano Viterbo 3641 50 μg/l di arsenico
Orte Viterbo 8854 50 μg/l di arsenico
Piansano Viterbo 2228 50 μg/l di arsenico
Proceno Viterbo 616 50 μg/l di arsenico
Ronciglione Viterbo 8920 50 μg/l di arsenico
San Lorenzo Nuovo Viterbo 2179 50 μg/l di arsenico
Soriano nel Cimino Viterbo 8680 50 μg/l di arsenico
Sutri Viterbo 6405 50 μg/l di arsenico
Tarquinia Viterbo 16448 50 μg/l di arsenico
Tessennano Viterbo 385 50 μg/l di arsenico
Tuscania Viterbo 8194 50 μg/l di arsenico
Valentano Viterbo 2963 50 μg/l di arsenico
Vallerano Viterbo 2648 50 μg/l di arsenico
Vasanello Viterbo 4175 50 μg/l di arsenico
Vejano Viterbo 2311 50 μg/l di arsenico
Vetralla Viterbo 13226 50 μg/l di arsenico
Vignanello Viterbo 4833 50 μg/l di arsenico
Villa San Giovanni in Tuscia Viterbo 1323 50 μg/l di arsenico
Viterbo Viterbo 62441 50 μg/l di arsenico
Vitorchiano Viterbo 4532 50 μg/l di arsenico

Regione: Toscana
Monterotondo Marittimo Grosseto 100 30 μg/l di arsenico
Montieri Grosseto 90 30 μg/l di arsenico

Campiglia Marittima Livorno 13550 50 μg/l di arsenico
Campo nell’Elba Livorno 6711 50 μg/l di arsenico
Capoliveri Livorno 6329 50 μg/l di arsenico
Marciana Livorno 3454 50 μg/l di arsenico
Marciana Marina Livorno 2572 50 μg/l di arsenico
Piombino Livorno 12965 50 μg/l di arsenico
Porto Azzurro Livorno 1619 50 μg/l di arsenico
Porto Ferraio Livorno 5093 50 μg/l di arsenico
Rio Marina Livorno 2913 50 μg/l di arsenico
Rio nell’Elba Livorno 1775 50 μg/l di arsenico
Suvereto Livorno 9604 50 μg/l di arsenico

Pomarance Pisa 6323 50 μg/l di arsenico
Castelnuovo in Val di Cecina Pisa 2467 50 μg/l di arsenico

Radicondoli Siena 978 50 μg/l di arsenico

Castel Giorgio Terni 2200 30 μg/l di arsenico
Castel Viscardo Terni 3000 30 μg/l di arsenico
Orvieto Terni 21000 30 μg/l di arsenico


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Svelato il successore della Psp

Nel corso del Playstation meeting a Tokio, Sony ha reso nota la sua nuova consolle portatile che andrà a soppiantare l'attuale Psp. Il suo nome momentaneo è NGP "next generation portable".
Avrà un monitor Oled touchscreen da 5 pollici, gps integrato, connessione wi-fi, 2 levette analogiche, una vidiocamera frontale e una posteriore e un giroscopio SixAxis. Avrà inoltre il supporto completo ai trofei e al proprio account Playstation Network. Per quanto riguarda la potenza, la NGP dovrebbe essere equiparabile all'attuale PS3.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

mercoledì 26 gennaio 2011

Pioggia di volatili


Non solo uccelli ma anche migliaia di pesci sono stati trovati morti in varie parti del mondo, Italia compresa. Ma cosa succede?

1 Gennaio 2011. Gli abitanti di Beebe, un paese in Arkansas al loro risveglio fanno una tragica scoperta. Migliaia di uccelli morti ricoprono strade, giardini e campi. Un testimone racconta di averli visti durante la notte caderne uno a uno fino a formare quasi una pioggia di piccoli cadaveri. A 200 Km di distanza intanto, lungo le sponde del fiume Arkansas vengono trovati morti quasi 100.000 pesci.


Ma cosa è successo veramente?
Dalle autopsie degli uccelli è risultato che questi sono morti a causa di coaguli nel sangue dovuti a ferite interne. Alcune ipotesi fanno pensare che i forti botti dei fuochi artificiali di capodanno abbiano spaventato gli uccelli tanto da farli volare all'impazzata a bassa quota, causandone lo scontro con alberi e edifici ma questo però non spiega perchè i primi ritrovamenti, risalgono alle ore 23.30, quando i botti ancora non si erano uditi. Ma i pesci? Per i pesci è stata avanzata l'ipotesi di una malattia visto che gli esemplari morti erano tutti della stessa specie.

Nel frattempo lunedì 3 Gennaio altri 500 uccelli sono stati ritrovati morti a poche centinaia di Km sempre da Beebe ed anche lì vengono rilevati coaguli nel sangue dovuti a forti traumi.

4 Gennaio 2010. In Svezia nei dintorni di Falkoping vengono trovati un centinaio di uccelli con consistenti contusioni interne. La stampa ipotizza che i volatili siano stati tutti travolti da un camion in marcia ma molti non presentano ferite compatibili con questa ipotesi.

5 Gennaio, 2 Milioni di pesci vengono trovati morti nella baia di Chesapeake in Usa. Scartata l'ipotesi di malattia, i biologi sostengono che la causa sia dovuta all'abbassamento delle temperature dell'acqua infatti questa era scesa a soli 2c°.

Intanto decine di segnalazioni simili arrivano contemporaneamente da altre parti del mondo; dal Brasile, dalla Nuova Zelanda e dal Cile.

Semplici coincidenze o c'è dell'altro?


Anche in Italia abbiamo avuto casi analoghi.

A Faenza (Ravenna) il 2 gennaio sono state trovate un migliaio di tortore morte. Dopo i primi esami sembra che le morti siano state provocate da un'indigestione dovuta a dei semi di girasole scartati da alcuni stabilimenti ma, al WWF, non ne sono convinti visto che le tortore non sono soggette a questo tipo di problemi perchè grazie all'uso di sassolini sono abituati a sminuzzare il cibo appunto per evitare complicazioni nella fase digestiva. Nei giorni seguenti è stato trovato un virus tipico dei colombiformi ma solo ulteriori esami potranno dire se è questa la vera causa del problema.

E non finisce qui. Anche a Caserta sono stati trovati centinaia di volatili a terra. Qui le cause possono essere dovute invece ad un'infezione da salmonella.

Le teorie

In attesa di riscontri scientifici, su internet sono circolate le teorie più suggestive, come ad esempio ipotesi di esperimenti nucleari o lo spostamento del polo magnetico del pianeta Terra.

La storia però sembra smontare tutte queste ipotesi e indica la causa di questi fenomeni negli eventi metereologici.

Il 14 Marzo 1904 1 milione e mezzo di uccelli morirono nel Minnesota (Usa). Le indagini rivelarono che le uccisioni furono dovute a delle lesioni interne provocate da traumi e guarda caso nella notte era avvenuta una forte nevicata. Disorientati dalla forte tempesta i volatili si diressero verso le luci della città, andando a schiantarsi contro gli edifici o cadendo stremati e senza forze.

Solo negli Usa ogni anno muoiono 5 miliardi di uccelli e molti di essi si concentarno in determinati periodi di tempo.

Tempeste, freddo e a volte anche inquinamento sono le cause principali di questi fenomeni. Dunque niente teorie sugli alieni o sullo spostamento dell'asse terrestre, nulla che non sia già successo negli anni passati e che probabilmente continuerà ad accadere.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

martedì 25 gennaio 2011

Band of brothers

Titolo: Band of brothers

Cast: Damian Lewis, Donnie Wahlberg, Ron Livingston, Matthew Settle, Rick Warden

Regia: Steven Spielberg

Durata: 10 puntate da 1 ora (totale 10 ore)

Anno: 2001

Genere: Guerra

Trama: Ambientata durante la seconda guerra mondiale (precisamente dal 1942 al 1945), la miniserie parla della Compagnia Easy del Secondo Battaglione, 506º Reggimento di fanteria paracadutista, 101ª Divisione Aviotrasportata dell'esercito degli Stati Uniti, dal loro addestramento a Camp Toccoa, la loro assegnazione al fronte europeo, fino alla fine della guerra.

Parere personale: Sicuramente una delle migliori produzioni degli ultimi anni, realizzata in modo impeccabile sotto tutti gli aspetti. Emozionanti scene introduttive all'inizio di ogni episodio, con testimonianze dei veri reduci del conflitto, una trasposizione fedele di alcune battaglie determinanti della seconda guerra mondiale. I protagonisti del film sono i soldati della Easy Company degli eroi "veri" a cui ci si affeziona con il proseguo della serie e con cui si soffre ad ogni esplosione, colpo o compagno caduto in battaglia. Il realismo contraddistingue l'intera serie e non di rado si possono vedere scene davvero crude come solo scenari di guerra possono offrire. Una menzione particolare và alla penultima puntata ambientata all'interno di un campo di concentramento con scene davvero forti che non possono non segnare lo spettatore.

Citazione:
[Aspettando l'ordine di partire per il fronte]
Winters: Dovevamo nascere prima Nixon.
Nixon: E perderci tutto questo?

Consigliato: Sì, da vedere assolutamente

Voto: 9,5




Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

lunedì 24 gennaio 2011

Un'isola di rifiuti

-Articolo di Marco Spigolon-

E' stata recentemente scoperta un'isola situata pressapoco tra le Hawaii e il Giappone fatta di plastica, non costruita dall'uomo(cosa che non stupirebbe più di tanto) ma bensì formatasi da miliardi e miliardi di tonnellate di rifiuti plastici non biodegradabili che, grazie alle correnti marine del pacifico (il cosiddetto vortice del nord), si sono unite creando quella che di fatto è la più grande discarica del mondo

Nessuno sa dire quanto sia grande... l'isola che non c'è infatti non è visibile dai satelliti perché la plastica galleggia appena sotto il livello dell'acqua, di certo si sa che sia grande almeno quanto il Texas ma alcuni scienziati ipotizzano che abbia un estensione di almeno 15 milioni di chilometri quadrati, 2 volte la superficie degli Stati uniti continentali.



Rimanendo in tema rifiuti, a Madrid un eccentrico artista tedesco ha costruito un albergo fatto interamente con i rifiuti raccolti in spiaggia.
Una nobile iniziativa per sensibilizzare la gente a non abbandonare nessun tipo di rifiuti e cercare di fare il più possibile la raccolta differenziata.




Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

giovedì 20 gennaio 2011

Annunciata la data di uscita del 3DS


Il presidente di Nintendo Europa ha annunciato che la nuova portatile 3D di casa Nintendo uscirà in tutta Europa il 25 Marzo 2011. Ancora nessun riferimento invece sul prezzo di lancio.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

mercoledì 19 gennaio 2011

Assassin's Creed: Brotherhood

Titolo: Assassin's Creed: Brotherhood

Piattaforma: Ps3, Xbox360

Genere: Action-adventure

Sviluppatore: Ubisoft

Lingua: Completamente italiano

Giocatori: 1-8 online

Data di uscita: 18 Novembre 2010

Pro:
°Gestione fratellanza divertente
°Missioni spettacolari
°Alcune novità rispetto al predecessore
°Molte missioni secondarie

Contro:
°Più corto del capitolo precedente
°Finale un po' affrettato

Recensione: Penultimo capitolo della serie, questo Brotherhood continua le avventure di Ezio Auditore, personaggio già incontarto nel precedente episodio e che a quanto pare ci accompegnerà anche nel prossimo. Trama ben strutturata per una longevità purtroppo più corta del predecessore ma con un'infinità di missioni secondarie ben disposte in tutta la mappa. Peccato per un finale a mio avviso un po' troppo affrettato e con missioni meno spettacolari rispetto a tutto il resto del gioco. L'online risulta divertente anche se sarebbe stato meglio da parte degli sviluppatori, come detto prima, dare un po' più di longevità alla modalità storia, vero punto forte del titolo. Nel complesso comunque un gioco da avere e che insieme ai suoi predecessori ( e speriamo successori) entrerà a far parte della storia dei Videogames.

Consigliato: Sì

Guida: http://www.eurogamer.it/articles/soluzione-guida-assassins-creed-brotherhood-33

Valutazione personale:

Grafica: 9,5
Sonoro: 9
Giocabilità: 8,5
Longevità: 9

VALUTAZIONE GLOBALE 9

Video trailer





Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

martedì 18 gennaio 2011

Video nuove mappe Call of Duty: Black Ops

Ecco il video illustrativo per le nuove mappe di Call of duty: Black Ops in uscita il 1 Febbario 2011.



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

lunedì 17 gennaio 2011

Visitare Roma avrà il suo prezzo

Dal 1 Gennaio 2011 il turista che desidererà visitare la capitale d'Italia dovrà pagare una soprattassa di 3 euro a notte se alloggia in un albergo a 4 o 5 stelle, di 2 euro in tutti gli altri luoghi d'accoglienza (escluso ostelli della gioventù).
Con l'arrivo della bella stagione sarà la volta degli stabilimenti balneari, dei battelli, degli autobus turistici e già si teme dei musei capitolini.

Dal canto loro i turisti non si sono certo tirati indietro nel dichiarare il proprio disappunto, infatti a loro dire, nonostante questa tassa, i servizi di mobilità sono rimasti scadenti, con una Metro limitata a soli 36 Km totali, autisti che non conoscono nemmeno la lingua inglese, mancanza di schermi comunicativi sui quali i turisti possano orientarsi e una tratta ferroviaria carissima.

Il vice-sindaco di Roma dichiara invece che la città si sta allineando alle grandi capitali europee senza però tenere conto che ad esempio a Londra la Metro si sviluppa lungo 500 Km, che a Parigi esiste un'amministrazione municipale pressochè perfetta e che Barcellona è munita di un sistema di trasporti sotteranei, di superficie e marittimi da far invidia.

Certo Roma ha molto da offrire in fatto di turismo ma questa soprattassa per il turista ha più l'aria di un qualcosa di "punitivo" piuttosto che di un aumento dovuto al miglioramento dei servizi offerti, e questo non può che far male al nostro paese.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

domenica 16 gennaio 2011

venerdì 14 gennaio 2011

Case verdi

Il riscaldamento costa e inquina.






Le eco-case non consumano
nulla, ma come fanno?

Secondo i dati dell'Agenzia europea per l'ambiente, la nostre case producono 520 kg di rifiuti all'anno, consumano quasi il 30% di tutta l'elettricità prodotta e sono le prime responsabili di morti dovute a inquinamento urbano. Tutto questo perchè le nostre case non sono per nulla ecologiche, costruite con materiali nocivi, emettono gas da riscaldamenti e caldaie, non proteggono da esalazioni di fornelli, vapori di detersivi e persino dai mobili, hanno muri e finestre che lasciano uscire il caldo in inverno e lo fanno entrare in estate.

Addio Bolletta

Case del genere fortunatamente sono però destinate a estinguersi. Difatti entro il 31 Dicembre 2020 grazie a una normativa europea, tutte le case costruite in Europa dovranno essere "quasi" passive. Cosa vuol dire passive? e perchè "quasi"? Passive signica che dovranno essere isolate termicamente e che dovranno consumare all'anno meno di un litro di gasolio per ogni metro quadro. Nella direttiva purtropo quel "quasi" è stato voluto dall'Italia che vorrà parametri diversi ma ancora da stabilire.

Queste abitazioni passive saranno davvero possibili? La risposta è sì, visto e considerato che queste case già esistono e alcune sono talmente efficienti che producono più energia di quella che consumano. Questo significa niente bollette e quindi niente spese per chi ci abita.




Uno sperpero di soldi

Una casa tradizionale oltre ad essere dannosa per l'ambiente è molto costosa per chi la abita. Le caldaie situate all'interno, oltre a bruciare gasolio o metano, a differenza ad esempio delle auto, non sono dotate di filtri antiparticolati che ne riducano le emissioni, e il calore che producono viene disperso dalle finestre, dai muri o dal tetto. Un po' come avere dal nostro conto corrente un costante prelievo di denaro che viene poi rigettato in strada.

Rivestire le case

Un muro tradizionale è costruito in laterizio, cemento armato e intonaco per uno spessore totale che va dai 10 ai 30 cm. Basterebbe applicare allo stesso muro degli strati di materiale isolante come ad esempio il sughero pressato o la fibra di vetro per avere sì uno spessore aumentato di 10 cm, ma un risultato sorprendente in fatto di consumi. Altra pecca delle case tradizionali sono le finestre che in inverno fanno fuoriuscire il calore, mentre in estate immettono in casa quello del sole costringendo il condizionatore agli straordinari. La soluzione sarebbe quindi quella di montare nelle proprie case tripli vetri di ultima generazione che riducono notevolmente questi tipi di problemi. Certo, muri e finestre da soli non risolvono il problema completamente infatti altri fattori incidono sulla dispersione di calore. Ad esempio la forma delle case tradizionali è spesso caratterizzata da molti angoli che fanno da "serbatoio" per il calore e non permettono a quest'ultimo di diffondersi in modo adeguato in tutte le stanze. Ecco perchè in futuro bisognerà fare attenzione anche ai particolari costruttivi degli edifici.

Una casa "verde" non ha termosifoni, ma grazie ai pannelli solari viene scaldata direttamente dal sole. Se questo non dovesse bastare, ecco che entra in gioco un pavimento con impianto radiante, alimentato da una pompa di calore messa in moto dalla corrente elettrica prelevata da un pannello fotovoltaico sul tetto, quindi tutto a impatto zero.
Può accadere anche che l'impianto così costituito produca più elettricità di quella usata per luce e calore, elettricità che può così essere rivenduta in rete.

Ma quanto costa una casa così?

La spesa rispetto all'ediliza normale si aggira da un minimo del 2% ad un massimo del 15% in più, ma dopo l'esborso iniziale, come detto in precedenza, a lungo termine i costi possono essere facilmente recuperati visto che viene eliminato il problema delle bollette e, cosa molto più importante, si guadagna in salute.

Inquinati dentro

Basti pensare che in un'abitazione l'aria può essere 5 volte più inquinata che in un centro urbano, infatti i fornelli, essendo fiamme libere, consumano ossigeno e producono scarichi, i detergenti invece contengono sostanze tossiche e perfino i mobili possono contenere sostanze nocive nelle colle usate.

Ma le case isolate non rischiano di mantenere all'interno queste sostanze dannose?

La risposta è no. Infatti la legge impone una ventilazione totale della casa ogni ora. Lo si può fare aprendo le finestre (ma disperdendo così molto caldo o fresco) oppure montando un sistema di ricircolo forzato che oggi come oggi può essere completamente automatizzato.

"Hinterland" verdi

Una singola casa a basso consumo però da sola non basta per migliorare l'ambiente. Queste nuove case devono integrarsi con il quartiere, le città e le zone verdi. Ecco perchè in Francia c'è già un progetto chiamato Nature Active che coinvolge 49 comuni a ovest di Parigi per un totale di 350.000 persone. Si produce elettricità con fotovoltaico, si usano i rifiuti organici come fertilizzanti e si depurano le acque per il riutilizzo. In questo modo si integrano città, campagna, attività produttive e cicli naturali.




Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

martedì 11 gennaio 2011

Fotocamera Reflex Pentax K-R

Fotocamera Reflex Pentax K-R

-Prezzo: Circa 750 Euro con 18-55 mm

-Caratteristiche dichiarate dal costruttore:

Tipo prodotto Fotocamera digitale - SLR con modalità Live View, registrazione filmati
Larghezza 12.5 cm
Profondità 6.8 cm
Altezza 9.7 cm
Peso 0.54 kg
Colore rivestimento Bianco
Materiale corpo Acciaio inossidabile, polimero plastico in fibra rinforzata
Caratteristiche principali Risoluzione 12.4 Megapixel
Supporto colore Colore
Tipo sensore ottico CMOS
Pixel totali 12.900.000 pixel
Risoluzione efettiva sensore 12.400.000 pixel
Dimensione sensore ottico 15.8 x 23.6mm
Sensore di riduzione polvere Sì
Caratteristiche sensore Riduzione polvere (vibrazione sensore di immagine), rivestimento Special Protect (SP)
Sensibilità ottica ISO auto (200-12800), ISO 100-25600
Protocolli trasferimento immagini LAN e Wireless IrDA (IrSimple protocol)
Processore d'immagine PRIME II
Programmi di ripresa Orizzontale, modo verticale, azione, macro, museo, surf & snow, PET, cibo, scena notturna, tramonto, candela, istantanea notturna, scena notturna con ritratto, bambini, Stage, night scene HDR
Effetti Speciali Soft, Bianco e Nero, Effetto personalizzato, fisheye, naturale, brillante, vibrante, monocromatico, Morbido, orizzontale, verticale, Pellicola positiva, Rétro, estrazione colore, giocattolo, stelle, contrasto elevato, Bleach Bypass
Stabilizzatore di immagine Ottico (meccanismo di spostamento CCD)
Tempo max di otturazione 1/6000 sec
Tempo min di otturazione 30 sec
X-sync Speed 1/180 sec
Misurazione dell'esposizione Multi-segmento, misurazione a preferenza centrale, spot
Modalità esposizione Programma, bulbo, manuale, Priorità apertura, priorità otturatore, priorità ISO
Gamma di esposizione EV 1-21.5 ( ISO 200 )
Compensazione di esposizione ±3 EV, a passi di 1/2 o 1/3 EV
Bracketing automatico 3 steps in 1/2 or 1/3 EV steps
Zone di metering dell'esposizione 16
Bilanciamento del bianco Personalizzato, automatico, preimpostato
Preimpostazioni bilanciamento bianco Nuvoloso, luce tungsteno, Flash, luce diurna, ombra, luce fluorescente (bianco freddo), luce fluorescente (luce diurna), luce fluorescente (bianco caldo)
Formato video digitale AVI, MJPEG
Formato fermo immagine JPEG, RAW, RAW + JPEG
Velocità chiusura continua 2 fotogrammi al secondo, 6 fotogrammi al secondo
Massima risoluzione video 1280 x 720
Telecomando Opzionale
Video Capture AVI - 1280 x 720 - 25 f/s ¦ AVI - 640 x 480 - 25 f/s
Memory / Memoria Memoria flash supportata SD Memory Card, Scheda di memoria SDHC
Memorizzazione immagine JPEG 4288 x 2848 ¦ JPEG 3936 x 2624 ¦ JPEG 3072 x 2048 ¦ JPEG 1728 x 1152 ¦ RAW 4288 x 2848
Flash fotocamera Flash fotocamera Flash a scomparsa
Numero Guida (m/ISO 100) 12
Modalità flash Modalità riempimento, sincronizzazione lenta, modalità automatica, modalità flash OFF, P-TTL
Riduzione effetto occhi rossi Sì
Caratteristiche Illuminatore AF, compensazione flash +/-, controllo senza cavi off-camera
Caratteristiche aggiuntive Self Timer Sì
Ritardo autotimer 2sec, 12 sec
Flash Terminal Hot shoe
Caratteristiche aggiuntive Compatibilità IrDA, compatibile con USB 2.0, filtro RGB, riduzione digitale del rumore, supporto DPOF, controllo luminosità schermo, controllo nitidezza, rotazione immagine digitale, PRINT Image Matching, visualizzazione istogramma, blocco AE, blocco AF, ritaglio di un'immagine, ridimensionamento di un'immagine, controllo saturazione, registrazone video HD 720p, visualizzazione punto d'ombra, modo scatt0 a intervalli, visualizzazione punto di maggiore luminosità, regolazione contrasto, modalità HDR automatica
Schermo Tipo Display LCD - matrice attiva TFT - 3" - colore
Fattore di forma schermo Integrato
Formato schermo 921.000 pixel
Microfono Tipo Microfono - integrato
Modalità operativa microfono Mono
Connessioni Tipo connettore 1 x USB ¦ 1 x uscita audio/video composito
Slot di espansione 1 x Scheda di memoria SD
Software Software Driver & Utilità
Miscellanea Accessori in dotazione Cinghia da trasporto, tappo, eyecup, copertura attacco accessori
Cavi inclusi Cavo USB
Alimentazione Dispositivi di alimentazione Adattatore di alimentazione + caricabatterie - esterno
Batteria Batteria supportata Pentax D-Li109
Dettagli batterie supportate 1 x batteria ricaricabile agli ioni di litio ( in dotazione )
Mirino Tipo mirino Ottico - pentaprisma specchio a livello dell'occhio
Copertura campo 96%
Ingrandimento 0.85x
Gamma di correzione diottrica Da -2,5 a +1,5
Requisiti di sistema per connessione PC Supporto Sistema Operativo MS Windows XP, MS Windows 7, MS Windows Vista, Apple Mac OS X 10.3 - 10.5
Periferiche Porta USB, unità CD-ROM
Parametri ambientali Temperatura min esercizio 0 °C
Temperatura max esercizio 40 °C
Sistema di lenti Tipo Lente zoom - 18 mm - 55 mm - f/3.5-5.6 DA L AL Pentax KAF
Lunghezza focale 18 mm - 55 mm
Lunghezza focale equivalente a macchina fotografica da 35 mm 27 - 82.5mm
Messa a fuoco Automatico, manuale
Auto focus Rilevazione fase e contrasto TTL
Punti di messa a fuoco automatica (zone) 11
Gamma min focalizzazione 25 cm
Angolo di campo max 76 gradi
Apertura lente F/3.5-5.6
Zoom ottico 3 x
Regolazione zoom Manuale
Costruzione lente 8 gruppi / 11 elementi
Dimensione filtro 52 mm
Innesto obiettivo Pentax KAF2
Caratteristiche Lenti asferiche

-Le Pagelle

ESTETICA voto 8
Linea squadrata ma non sgradevole. Possibilità di scegliere tre colorazioni (nera, bianca e rossa).

COSTRUZIONE voto 8
Nella media della categoria

VERSATILITA' voto 8
La macchina offre molte più funzioni rispetto alle concorenti

PRESTAZIONI voto 8
Ottime in tutte le condizioni, peccato per la resa mediocre ad alti ISO

RAPPORTO QUALITA'/PREZZO voto 8
Valutando il prodotto per versatilità e costruzione, il prezzo sembra onesto anche se la concorrenza è molto agguerrita

-Pro:
°Versatilità notevole
°Tre colori disponibili
°Prezzo giusto

-Contro:
°Video HD non al top
°Ad alti ISO resa mediocre


-Video:




Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Stangata sui trasporti

Ecco i primi effetti della manovra

Auto,bus e treni. Aumenta tutto.


Con l'inizio del 2011 ecco arrivare anche aumenti e rincari generalizzati che metteranno ulteriormente in ginocchio quelle famiglie che già faticano ad arrivare a fine mese. Sono previsti infatti, secondo le associazioni dei consumatori aumenti per circa 1000 euro annui sui bilanci familiari. A crescere saranno oltre ai citati trasporti anche Rc-Auto, autostrade, gas, tasse sui rifiuti, acqua, servizi bancari, alimenti.

Autostrade salatissime
Dal 1° Gennaio sono partite le nuove tariffe sui pedaggi autostradali salite in media del 3,3% rispetto all'anno passato. Questi rincari sono il frutto della firma dei decreti dei ministri delle infrastrutture e dei trasporti e dell'economia giustificati a loro dire dagli investimenti fatti, ma le associazioni dei consumatori sono pronte a dare battaglia. Ma gli aumenti purtroppo non risparmieranno nemmeno coloro che decideranno di lasciare l'auto a casa. Infatti i tagli della manovra si sono concentrati soprattuto sulla voce trasporti, con conseguente taglio dei servizi ma aumenti dei costi. La prima regione a farne le spese è stata la Liguria con rincari nei biglietti del 20-30% e con soppressione di diversi convogli. A seguire ci sarà la Lombardia che dal 1°Febbraio vedrà i biglietti aumentare di prezzo del 10% seguito da un ulteriore 10% a Maggio mentre da Luglio toccherà al Piemonte fare i conti con i rincari.

I rincari in percentuale
Alimenti + 6%
Rc-AUto + 12%
Gas + 8%
Traspori + 30%
Rifiuti + 8%
Acqua + 6%
Elettricità + 5%

I rincari dei trasporti per regione
Lombardia: + 20% treni regionali e bus (tra Febbraio e Maggio)
Piemonte: +10% (a Luglio)
Liguria: +30% biglietti bus +25% treni regionali (Febbraio)
Emilia-Romagna: +6% treni regionali (in vigore) +20% biglietti bus (Febbraio)
Campania: +9% biglietto orario autobus e treni +25% biglietto giornaliero (Febbraio)
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

lunedì 10 gennaio 2011

Fotocamera Reflex Olympus e-5


Fotocamera Reflex Olympus E-5

-Prezzo: Circa 1700 euro solo corpo

-Caratteristiche dichiarate dal costruttore:

Affidabilità•Ampio mirino con copertura professionale del 100% e ingrandimento 1,15x per un'accurata composizione dell'immagine
•Immagini prive di macchie grazie al sistema di protezione dalla polvere più efficace (Filtro Supersonic Wave)
•Corpo macchina e obiettivi protetti dagli schizzi
•Ciclo di vita dell'otturatore di qualità professionale (150.000 scatti)
Qualità dell'immagine•Efficace stabilizzatore d'immagine integrato per stabilizzare qualsiasi obiettivo (fino a 5 EV) con due modalità
•Sensore Live MOS ad alta velocità da 12,3 Megapixel
•Elevata qualità dell'immagine con una vasta gamma di luminosi obiettivi ZUIKO DIGITAL, dedicati al digitale
•Processore immagine TruePic V+
Velocità•Sistema AF con 11 punti di messa a fuoco biassiali ad alta velocità
•Otturatore ad alta velocità (1/8000 di sec) e alta precisione, tempo di sincronizzazione: 1/250
Creatività•LCD Hyper Crystal da 3 pollici ad alta risoluzione con 921.000 punti orientabile su due assi
•Art Filter Dramatic Tone e altri 9 Art Filter aggiuntivi offrono spunti creativi senza fine
•9 formati immagine
•Integra il controllo wireless del flash con funzione commander
•Modalità per esposizioni multiple

-Le Pagelle

ESTETICA voto 8
Non proprio un must di bellezza ma comunque all'apparenza solida

COSTRUZIONE voto 9
Tanta sostanza per una notevole attenzione all'affidabilità

VERSTAILITA' voto 7
La macchina ha tutto ciò che serve per un uso professionale, il problema è che le dirette concorrenti hanno qualcosina in più

PRESTAZIONI voto 8
Tutto sommato buone, qualche problemino in condizioni di luce scarsa

RAPPORTO QUALITA/PREZZO voto 6
Purtroppo visto l'alto prezzo ci si aspettava qualcosa in più, visto e considerato anche che la concorrenza allo stesso prezzo offre macchine più performanti.

VOTO 7,5

-Pro:
°Ottima costruzione
°Doppio slot di memoria
°Flash pop up

-Contro:
°Versatilità ridotta
°Limitata in condizioni di scarsa illuminazione
°Prezzo elevato

Video:




Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

sabato 8 gennaio 2011

L'arma segreta dei nazisti


L'arma segreta dei nazisti

Il disco volante di Hitler: alta tecnologia o propaganda?

Nel Dicembre del 1944 a New York, si sparse improvvisamente la voce che i tedeschi stavano per attaccare la città con dischi volanti armati di bombe atomiche. In contemporanea il "New York Times" pubblicò delle foto di oggetti non identificati avvistati nei cieli di londra. Infatti secondo l'articolo alcuni londinesi avrebbero avvistato sotto il ponte del tamigi degli oggetti sfrecciare ad alta velocità per poi sparire nel nulla. Fantasie popolari? A quanto pare NO! Oggi si sa che i tedeschi in realtà stavano davvero lavorando a delle armi segrete, tra cui degli strani oggetti volanti a forma di disco.

Le armi "V"

Nonostante la Germania di Hitler volgesse ormai al termine, gli americani temevano comunque che le sorti della guerra potessero essere ribaltate a favore dei tedeschi, grazie all'uso di armi segrete super-tecnologiche. La propaganda del ministro tedesco Joseph Goebbels, mirata a convincere tutta la Germania che le sorti del conflitto erano a favore di Hitler, trasmetteva incredibilmente anche tra le file degli alleati, la convinzione che i tedeschi avessero un'arma segreta pronta a sterminare il nemico. Hitler aveva inoltre lanciato pochi mesi prima i leggendari missili V2 in grado di eludere i radar nemici e di arrivare all'obbiettivo in soli 5 minuti. Tale tecnologia venne poi studiato da Stati Uniti e Unione Sovietica negli anni successivi, per realizzare missili intercontinentali e missili Cruise.



La nascita del mito

Nel marzo del 1944 venne portato a termine il primo collaudo del famigerato V7, un veivolo a forma di disco con decollo verticale. Su questo volo vennero scritte le teorie più disparate, tra chi giurava di aver visto sfrecciare il disco a 2000 Km/h e chi dichiarava che il volo fosse stato incerto e di soli pochi metri dal suolo, l'unica cosa certa era che la macchina propagandistica tedesca esaltò l'avvenimento creando panico tra i nemici. Ma cosa c'era di vero? I documenti sul progetto andarono persi o distrutti nel periodo di caos prima che la guerra finisse ma secondo Peter Pletschacher, storico dell'aviazione, si trattava solo di una sottile guerra "psicologica" e che "le velocità dichiarate ai tempi erano tecnicamente impossibili".

La nascita degli ufo

Fantasia e isteria non avevano ormai più limite. Nel 1947 alcuni piloti americani giurarono di aver visto nel cielo oggetti volanti non identifcati, mentre l'aereonautica militare affermava di avere avuto un combattimento contro un disco volante. Così quando la radio diede la notizia di uno schianto di un UFO a "Roswell" si diffuse il panico. Anche se la notizia si rivelò poi infondata (infatti si trattava di un pallone meteo) la città divenne meta di pellegrinaggio per molti curiosi.

Nel dopoguerra i canadesi cercarono di copiare il v7 senza risultati


I tecnici canadesi, affascinati dal V7 tedesco, cercarono di copiarne i progetti e ne realizzarono un'imitazione. Fu chiamato "Avrocar" e nel 1961 fu collaudato per ben 75 ore. Il "disco volante" era dotato di eliche che comprimevano l'aria verso il basso e in avanti ma, invece di raggiungere le velocità elevate che i progettisti si erano prefissati, l'avrocar raggiunse la velocità massima di 50 km/h e dopo di chè iniziò a traballare e a diventare troppo instabile. Come probabilmente era accaduto al suo predecessore, anche questo progetto era fallito.


L'arma segreta degli Alleati

Anche gli inglesi pagarono i loro ricercatori per trovare delle armi tecnologiche che servissero per annientare il nemico, e il più ingegnoso tra questi era senza dubbio l' Habbakuk. Si trattava di una nave portaerei lunga 700m e larga 100m, costruita con ghiaccio e cellulosa in modo da poter solcare i mari freddi ed utilizzare così la nave come base di lancio per gli aerei inglesi a caccia di U-boot tedeschi nell'alto Atlantico. Il progetto venne abbandonato nel 1944 . La vera vittoria degli Alleati fu invece l'essere arrivati per primi sulla bomba nucleare.

http://www.wikio.it

Fonte: Focus

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Fotocamera Reflex Nikon D7000


Fotocamera Reflex Nikon D7000

-Prezzo: circa 1.400 Euro con 18-105 VR

-Caratteristiche dichiarate dal costruttore:

•Nuovo sensore CMOS formato Nikon DX da 16,2 milioni di pixel che, grazie all’estesa gamma ISO, offre colori e dettagli eccezionali, sia in fase di ripresa foto che video
•Nuovo motore di elaborazione d’immagine EXPEED 2: qualità superiore delle immagini, velocità di elaborazione straordinaria e possibilità di attivare più funzioni contemporaneamente, con ridotto consumo energetico
•Elevata sensibilità ISO (100-6400, estendibile fino a 25.600 equivalente): basso rumore ma dettagli sempre estremamente nitidi
•Nuovo sensore esposimetrico RGB da 2.016 pixel: migliore efficacia del sistema di riconoscimento scena per immagini di elevata qualità, sempre
•Innovativo sistema Autofocus con 39 punti di messa a fuoco di cui 9 punti a croce al centro: grazie ad esso vengono migliorate le prestazioni, sia in termini di riconoscimento che di inseguimento del soggetto messo a fuoco, a prescindere da dove esso si trovi all’interno dell’inquadratura
•Mirino reflex a pentaprisma con copertura del 100% circa ed ingrandimento 0,94x, per una visione ed una messa a fuoco incredibilmente precisa della scena ripresa
•Elevata resistenza del corpo camera, in virtù della lega di magnesio con cui è costruita la parte superiore e posteriore e dell’impermeabilizzazione contro polvere e umidità: ciò permette di effettuare riprese anche nelle condizioni più estreme, senza timore
•Funzione D-Movie per la ripresa video in full HD: modalità AF-F (autofocus continuo) attivabile in fase di registrazione dei filmati e funzioni di editing “on camera”, con cui selezionare un diverso punto di inizio e/o fine del filmato o estrapolare da esso uno o più fotogrammi componente/i lo stesso. È, inoltre, possibile utilizzare un microfono esterno (opzionale) per una registrazione audio stereo di ancora maggiore qualità
•Connessione HDMI e compatibilità CEC: è possibile visualizzare le proprie immagini e i propri video in full HD su un televisore ad alta definizione potendoli comandare dal telecomando TV attraverso lo standard CEC.
•Modalità Live View facilmente attivabile, potenziata da nuove modalità AF a contrasto di fase: il rilevamento del volto a contrasto di fase AF, per esempio, è più veloce è più potente che mai. Possono essere riconosciuti, infatti, fino a 35 volti in soli in soli 0,08 secondi circa, anche se i soggetti non guardano direttamente la fotocamera. Grazie alla funzione Tracking, invece, è possibile mantenere i soggetti a fuoco anche quando si muovono. La modalità Area AF normale, invece, è consigliata per individuare il soggetto automaticamente a fuoco, mentre quella AF “wide-area” si rivela utile quando si scatta a mano libera
•Otturatore testato fino a 150.000 scatti e capace di raggiungere la velocità di 1/8000 di secondo
•Doppio slot per memory card: più opzioni di salvataggio delle immagini e dei video e di organizzazione delle stesse, con possibilità di effettuare backup da una scheda all’altra, per una gestione ottimale dei file
•Velocità di scatto in sequenza di 6 fotogrammi per secondo, con tempo di attesa tra uno scatto e l’altro di circa 0,05 secondi: nessun attimo sarà perso
•Numerose funzioni di playback, tra le quali: modo riproduzione fino a 72 miniature, calendario e organizzazione foto per data di scatto
•Svariate funzioni di ritocco on-camera, di editing video e nuova modalità “bozzetto colore”
•Controllo della tonalità e del colore: i vari Picture Control consentono di impostare, prima dello scatto, aspetto e atmosfera delle fotografie e dei video
•Nuovo motore di elaborazione d’immagine EXPEED 2, che consente di svolgere contemporaneamente più attività con maggiore velocità e potenza
•Il nuovo software Nikon ViewNX 2, compreso nella confezione della Nikon D7000, propone le operazioni base del predecessore, offrendo una maggiore operabilità, un più raffinato GUI (Graphic User Interface) ed una gamma di funzioni che consentono di editare foto e video.
•Monitor LCD TFT da 7,5 cm (3 pollici): 920.000 punti, ampio angolo di visione (170°) e vetro rinforzato, per una visione immediata e precisa delle proprie immagini e video
•Compatibile con l’ampia gamma di obiettivi NIKKOR
•Batteria ricaricabile Li-ion EN-EL15, che permette una gestione intelligente dell’energia: massime performance con consumo energetico ridotto al minimo

Le Pagelle

ESTETICA voto 8
Design classico e serio, una giusta via di mezzo tra entry level e professional.

COSTRUZIONE voto 9
Grande sensazione di solidità, con un mix di plastica e metallo. L'ottica 18-105mm è solida.

VERSATILITA' voto 9
Foto a 16MP, raffica doppia, AF regolabile e preciso, esposimetro di ultima generazione e video in Full HD. Molto versatile il doppio slot per le schede di memoria.

PRESTAZIONI voto 9
Scatti dettagliati, autofocus rapido, buoni scatti anche a ISO elevati. Unico neo l'autofocus poco preciso durante le riprese.

RAPPORTO QUALITA'\PREZZO voto 8
Prezzo di listino corretto per una macchina eccelsa e dalla grande versatilità.

VOTO 8,5

Pro:
°Costruzione ed ergonomia
°Resa foto\video
°Doppio slot per schede di memoria

Contro:
°AF continuo migliorabile in video

Fonte: Tutto digitale

Video:





Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Mooncup - parola di vagina

Che cos'è la Mooncup?
E' una coppetta mestruale in silicone anallergico. Viene inserita nella vagina e invece di assorbire il flusso mestruale, lo raccoglie. Non è usa e getta: si riutilizza ciclo dopo ciclo.

Come si inserisce la Mooncup?
E' decisamente più difficile a dirsi che a farsi.
La Mooncup appare piuttosto grande e la reazione comune che si ha di fronte alla coppa è "Oddio, ma è gigantesca!"... Tuttavia, una volta piegata è molto semplice da inserire e, una volta presa la mano, è un gioco da ragazze! :)
Ad ogni modo il video mostra in modo molto chiaro le due tecniche per l'inserimento.
Per estrarre la coppa risulta più comodo accovacciarsi un pochino e "spingere" verso l'esterno con i muscoli vaginali. Chi trova questa operazione piuttosto ostica, può cimentarsi con
gli esercizi di Kegel.










Come funziona la Mooncup?
Una volta inserita correttamente, la coppa si schiude e crea un'area sottovuoto grazie al bordo arrotondato e ai forellini sui lati. Il flusso mestruale viene completamente raccolto al suo interno, quindi non ci sono rischi di perdite.
All'inizio e al termine di ogni ciclo bisogna sterilizzarla in acqua bollente.
Il gambo serve per estrarre più facilmente la coppa, ma deve essere accorciato nel caso fuoriesca dalla vagina.
La coppa deve essere svuotata ogni 4-8 ore, va sciacquata con acqua corrente o pulita con della carta igienica. Poi può essere reinserita.
La coppa è graduata, come un misurino. Vi renderete conto di perdere molto meno sangue di quanto non avreste mai immaginato!

Che cosa si sente?
Niente! Dolori mestruali permettendo, non è raro dimenticare di avere il ciclo.
Questo avviene perchè la Mooncup aderisce perfettamente alle pareti vaginali, la sua flessibilità e morbidezza le permettono di seguirne tutti i movimenti.
Insomma, sarete pronte anche voi a canticchiare allegramente "Libera e felice come una farfalla!" mentre fate una spaccata al corso di aerobica! ;)

Perchè comprare la Mooncup?
  • Per la tua salute: la coppa non dà origine a secchezza vaginale e irritazioni (occhio al gambo, che non deve mai fuoriuscire!) perchè non altera la flora batterica e il grado di umidità vaginali. Al contrario, il cotone dei tamponi interni è il luogo ideale per la proliferazione di batteri.

  • Per l'ambiente: utilizzare la coppa significa rinunciare all'ennesimo prodotto usa-e-getta ed evitare così di creare una grande quantità di rifiuti, difficili da smaltire (a causa dell'imballaggio di plastica, degli applicatori e degli adesivi).

  • Per le tue spese: si spende circa €30 e poi per 10 anni non se ne riparla più!

Dove comprare la Mooncup e quanto costa?
La coppa si trova sul sito
La bottega della luna e costa €29 + spese di spedizione.
La si trova anche nei punti vendita Naturasì e B'io a circa €36, ma ultimamente si trova anche in altri negozi biologici ben forniti. (Per le milanesi, io l'ho vista all'Euroverdebio di Carugate).
Può essere richiesta in farmacia.

Note e curiosità sulla Mooncup
La coppa viene prodotta in Inghilterra in un'azienda gestita da sole donne.
Il libretto delle istruzioni nella confezione spiega molto chiaramente come funziona e come inserire la coppa.
Una Mooncup ben conservata dura fino a 10 anni.
Esistono due misure di mooncup: la A è per le donne che hanno superato i 30 anni o che hanno avuto figli; la B è per le donne fino ai 30 anni e che non hanno avuto figli.
La Mooncup è particolarmente apprezzata da chi pratica degli sport, anche in acqua. Essendo completamente all'interno, non entra in contatto con l'acqua e non rischia di far proliferare i batteri.
C'è chi, adottando uno stile di vita 100% ecologico, svuota la Mooncup nella terra in cui sono piantati i fiori ottenendo ottimi risultati! :)

Link utili
Qui la discussione sul forum di Saicosatispalmi, mentre qui c'è una specie di vademecum della Mooncup, un resoconto delle varie esperienze e dei trucchetti delle donne che usano la Mooncup.
Qui invece un vero e proprio racconto spassosissimo sulla Mooncup, che spiega minuziosamente l'approccio di una donna alla coppa, con tanto di disastri iniziali, impressioni nei dettagli e consigli pratici.
Qui un forum tutto italiano dedicato al mondo delle coppette mestruali.











Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

giovedì 6 gennaio 2011

I primi tre giorni di lavoro li paga il datore di lavoro

Il diritto dell'indennità da parte dell'INPS decorre dal quarto giorno di malattia e finisce con la guarigione certificata, mentre i primi tre giorni sono a carico del datore di lavoro.
Nella malattia rientrano eventuali ricoveri o day hospital.
Il lavoratore deve però essere reperibile dal medico fiscale al mattino dalle 10 alle 12 e il pomeriggio dalle 17 alle 19.

Per quanto riguarda la misura dell'indennità in linea di massima, i primi tre giorni sono pagati al 100%, dal quarto al ventesimo giorno spetta il 50% della ritribuzione giornaliera e dal ventunesimo al 180° giorno spetta il 66,6%.
Per alcune categorie invece per tutto il periodo di malattia spetta l'80% della retribuzione ( ad esempio per i dipendenti di esercizi pubblici).
Il certificato medico va tassativamente inviato entro due giorni dalla data del suo rilascio, all'INPS e al datore di lavoro mentre in caso di ricoveri ospadalieri, il certificato può essere consegnato anche oltre i due giorni ma sempre nei termini di prescrizione della prestazione.
Non spetta invece nessuna indennità ai lavoratori autonomi e a quelli domestici anche se per malattie inferiori ai 4 giorni, la certificazione va consegnata all'INPS comunque.
Fonte: Il salvagente

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Ti potrebbero anche interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...